Ariccia non tace!!!

IL DIALOGO E L’ACQUA SANTA

60° anniversario della “Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo”

Posted by ariccianontace su 11 dicembre 2008

Diritti umani, il Papa: «Negati a troppi»
Di seguito riportiamo l’articolo apparso su www.avvenire.it di oggi per il 60° anniversario della “Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo”
I diritti dell’uomo sono per il Papa «ultimamente fondati in Dio creatore» e «se si prescinde da questa solida base etica, i diritti umani rimangono fragili perché privi di solido fondamento”. Benedetto XVI lo ha ribadito dopo il concerto in Vaticano per celebrare il 60° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo proclamata dall’Onu. «La legge naturale, scritta da Dio nella coscienza umana, – ha detto papa Ratzinger – è un denominatore comune a tutti gli uomini e a tutti i popoli; è una guida universale che tutti possono conoscere e sulla base della quale tutti possono intendersi».

«Nuove barriere a causa della razza e della religione». «Indubbiamente un lungo cammino è stato già percorso, ma ne resta ancora un lungo tratto da completare: centinaia di milioni di nostri fratelli e sorelle vedono tuttora minacciati i loro diritti alla vita, alla libertà, alla sicurezza; non sempre è rispettata l’uguaglianza tra tutti nè la dignità di ciascuno, mentre nuove barriere sono innalzate per motivi legati alla razza, alla religione, alle opinioni politiche o ad altre convinzioni». «Non cessi, pertanto – ha aggiunto il Pontefice – il comune impegno a promuovere e meglio definire i diritti dell’uomo, e si intensifichi lo sforzo per garantirne il rispetto».

Bertone: «Libertà religiosa in discussione». Alla solenne commemorazione hanno partecipato il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il segretario di Stato, Tarcisio Bertone, il cardinale Renato Martino, presidente di Giustizia e Pace, e il direttore generale dell’Organizzazione mondiale del lavoro, Juan Somavìa. «La libertà religiosa, che è una delle importanti conquiste contenute nella Carta dei diritti dell’uomo firmata sessant’anni fa a Parigi – ha detto Bertone nel suo intervento – oggi è messa in discussione ed è a rischio a causa di una tendenza sempre più diffusa che vuole escludere la religione dalla costruzione dell’ordine sociale». «È un dato di tutta evidenza – ha aggiunto – che il fatto religioso abbia un’influenza diretta nello svolgersi della vita interna degli Stati e di quella della Comunità internazionale. Questo nonostante si percepiscano sempre di più indicazioni e tendenze che sembrano voler escludere la religione e i diritti ad essa connessi dalla possibilità di concorrere alla costruzione dell’ordine sociale, pur nel pieno rispetto del pluralismo che contraddistingue le società contemporanee».

Annunci

3 Risposte to “60° anniversario della “Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo””

  1. Armando said

    Ah sì????
    Diritti umani negati a troppi????
    E la depenalizzazione degli omosessuali (in alcuni paesi del mondo vengono torturati ed uccisi) a cui la “Santa Chiesa” si è opposta????????
    Ma mi facciano il piacere!!!!!
    Basta con la falsità e con l’ipocrisia!!!!!

  2. pedrazel said

    Ma è ovvio: il papa intendeva “diritti negati a troppi sani eterosessuali cattolici praticanti che altri non sono poi che la naturale essenza umana fondata sulla naturalità del matrimonio istituito dall’unico dio che è quello che solo noi pratichiamo”.

  3. lucyintheskywd said

    Si è svolta a Roma una lettura collettiva della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, evento promosso dalla Provincia di Roma. Sebbene sia innegabile la valenza retorica di una simile manifestazione, ben venga se può servire ad avvicinare le nuove generazioni ad una maggiore consapevolezza della propria e dell’altrui dignità di esseri umani. Zingaretti faceva notare che non sono molti i nostri connazionali che conoscono realmente il contenuto della Carta, puntualmente bistrattata oltretutto nella maggior parte dei paesi che l’hanno sottoscritta. Per cui, trovo che qualunque manifestazione che contribuisca ad inculcare il senso di una coscienza civile della quale oggi (in un generalizzato clima di intolleranza) noi italiani sembriamo privi, costituisca in ogni caso un segnale positivo, al di là degli intenti meramente celebrativi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: