Ariccia non tace!!!

IL DIALOGO E L’ACQUA SANTA

Vangelo di domenica 17 maggio 2009 – sesta domenica di Pasqua

Posted by ariccianontace su 17 maggio 2009

maniGv 15,9-17
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.
Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi.
Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri».

La scuola dell’amore. Potremmo chiamare così il Vangelo e, particolarmente, questo brano.

Scuola per imparare ad amare, a “rimanere nell’amore”, cioè nella condizione in cui siamo stati creati.

Il Verbo di Dio, l’energia creatrice che ha generato l’universo, ha chiamato all’esistenza ogni cosa mediante la Parola. Ha “comandato” di esistere.

“Sia la luce”, e la luce fu.

Per l’uomo la parola generatrice non può che essere stata: “Ama!”. Ama ed esisti, perché sei stato creato ad immagine di Dio e Dio è amore, solo amore.

“Amatevi gli uni gli altri”, questo è l’unico comandamento. La parola che ci chiama alla vita. Non un’imposizione, ma la sola condizione per vivere da figli di Dio, esseri divini anche noi, nella misura in cui decidiamo di “rimanere” nella sfera dell’amore, di praticare l’amore reciproco come stile di vita quotidiano, entrando così nella familiarità della vita divina, in quel rapporto unico tra Padre e Figlio che tutto si donano, che tutto si comunicano, nell’amore e nella gioia. Lo Spirito Santo, se solo lo accogliamo, se lo lasciamo agire in noi, ci trasporta in questo circuito divino d’amore e di gioia.

E’ una proposta affascinante ed entusiasmante: gioia piena e amicizia con Dio, per sempre. Purché ci lasciamo conquistare dall’amore. Purché non ci rinchiudiamo in noi stessi. E andiamo, verso il prossimo, a portare frutto, ad annunciare a tutti la meravigliosa offerta di amore e d’amicizia di cui siamo tutti destinatari.

Il destino dell’uomo è nel cuore di Dio, la vita dell’uomo è nella vita di Dio. Non ci credi? Ama, ci dice Gesù. Prova ad amare i tuoi fratelli, e ne avrai la prova. Sentirai che vivere nell’amore è “ritrovarsi a casa”. La tua casa. Non andartene. Rimani nell’amore. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: